Intervista a Sinibaldo Buono, presidente del SIM Aeronautica

Perché ha deciso di costituire il Sindacato italiano dei militari (Sim) Aeronautica?

La mia esperienza personale e professionale in questi anni mi ha fatto comprendere che i colleghi in divisa necessitavano di un supporto esterno all’amministrazione in grado di fornire risposte e, se ne necessario, intervenire a sostegno dei propri diritti. Lo strumento sindacale è, a mio avviso, una capacità necessaria non solo al militare del terzo millennio, ma, se usato con intelligenza, anche all’amministrazione. Siamo stati il primo sindacato specifico di Forza armata nella storia dell’Arma Azzurra autorizzato dal Ministro della Difesa quando lo scetticismo la faceva da padrone ovunque. Una splendida intuizione che, sono sicuro, sarà leggenda.

Quali ritiene che siano i punti di maggior criticità della Forza Armata su cui il sindacato dovrebbe insistere?

La nostra è una posizione conservatrice. È necessario mettere ordine a una materia che negli ultimi anni ha contribuito ad ingolfare i tribunali amministrativi. Se parliamo di tatuaggi che ledono il decoro nell’indossare una divisa è giusto che un freno vada dato. Se è vero che il tatuaggio è ormai un fenomeno di costume, non dobbiamo dimenticare che le forze armate sono tradizione, non costume. È una delle poche norme del riordino che condivido. Va disciplinato come regolarsi nei confronti di chi i tatuaggi li ha già ed è in servizio, per garantire una linea univoca nei confronti del personale

Relativamente al riordino delle carriere, cosa chiedete?
Il riordino delle carriere parte da un presupposto errato. Non si può pensare di sdoganare un riordino delle carriere sganciandolo dalla fase di contrattazione economica. L’attuale riordino sbilancia esageratamente gli emolumenti economici della base (i graduati) rispetto a quello dei sottufficiali e degli ufficiali. Inoltre, il mancato inserimento delle aperture delle carriere farà in modo che un giovane che oggi entra come graduato o sergente non avrà prospettive di migliorare la sua carriera in maniera automatica. Senza scendere troppo nei dettagli tecnici, va assolutamente rivisto.

Dal mondo militare, specie da parte di graduati e generali, non sempre sono state espresse dichiarazioni in favore dei nascenti sindacati militari. Come replica le eventuali critiche?

Posso ovviamente parlare per ciò che riguarda l’ atteggiamento osservato verso la nostra sigla sindacale e non verso altre realtà che onestamente conosco poco (non siamo l’unico sindacato specifico di Forza Armata). Per quanto riguarda il SIM Aeronautica non ho visto particolari chiusure da parte dei vertici. È ovvio che, in mancanza ancora di una legge che disciplini le nostre attività, i nostri Generali affrontano con cautela le materie sindacali. In ogni caso la mia preoccupazione e i miei pensieri non si rivolgono a ciò che pensano loro ma alla base e a coloro i quali necessitano di aiuto.

Cosa pensa della posizione delle varie componenti politiche sulla questione dei sindacati militari?

Abbiamo speso quest’anno a parlare e cercare di far capire a tutte le componenti politiche le nostre ragioni e la necessità di una legge che tuteli realmente i diritti dei cittadini con le stellette. Ci sono stati partiti ed esponenti politici ai quali siamo arrivati con più facilità, altri sono ancora scettici. Molto bene fratelli d’Italia e M5S, ottimo il dialogo con forza Italia mentre è iniziato da poco un confronto con alcuni esponenti del PD. La lega per ora non pervenuta. C’è tempo per portarli dalla nostra parte.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...